Milano è una città per single: lo storico sorpasso delle famiglie mononucleo



Orpolà. Incredibile questa notizia comparsa giorni fa sui maggiori quotidiani: Milano è una città di single: il 50,6 % della popolazione registrata all'anagrafe sono famiglie formate da una sola persona. Dopo la città dell'accoglienza, della morale, della notte da bere e delle mazzette da intascare, arriva un nuovo primato per la città meneghina. Per la precisione su 687.401 famiglie presenti in città, 347,651 hanno un unico nome sul campanello. Il sorpasso, epocale, è avvenuto negli ultimi mesi.

Ma dove si trovano tutti questi single? Dopo le 20 li vedi tutti all'Esselunga intenti ad accaparrarsi le porzioni monodose in offerta speciale. Oppure a fare l'aperitivo in locali per 30 enni, intenti a rimpinzarsi per colmare le lacune di un frigo perennemente vuoto. E cosa dire poi delle feste per single (il 15 febbraio si celebra San Faustino) che a Milano imperano. Lo aveva anticipato anche quella mente brillante di Selvaggia Lucarelli.

I fattori che rendono Milano brulicante di single sono tanti: divorzi, separazioni, immigrazione, trasferimenti per lavoro, etc, etc. La politica come risponde? Il centrodestra pensa a misure per favorire il ritorno delle giovani coppie a Milano. Proprio in questi giorni il consiglio comunale discute del piano di governo del territorio, con l'ipotesi di agevolazioni per le giovani coppie sposate e le famiglie. Il centrosinistra spinge per agevolazioni anche per coloro che vivono soli con solo mille euro al mese, ma che per un monolocale sono costretti a pagare fino a 700 euro al mese. Staremo a vedere come andrà a finire.

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: