Stasera allo Spazio Oberdan il cantautore Pacifico presenta il video "Boxe a Milano"

Ultimi giorni per la rassegna “il cinema italiano visto da Milano”, già esaurientemente segnalata su 02 (fino al 7 febbraio, presso lo Spazio Oberdan di viale Vittorio Veneto 2). Stasera però una piccola digressione musicale ad opera di uno dei più bravi cantautori italiani ( a mio parere): il milanese Pacifico (Alle ore 21, ingresso 5 euro senza obbligo di Cinetessera 2010).

Stasera si esibirà in uno show case dove proporrà i brani più significativi del suo repertorio e presenterà in anteprima il video del bellissimo brano “Boxe a Milano”, montato con del materiale d'epoca messo a disposizione dalla Fondazione Cineteca Italiana, visibile sul sito del Corriere (quella di sopra non è la versione ufficiale).

Una fotografia in bianco e nero della Milano anni '50 di un tempo andato, quella di "Rocco e i suoi fratelli", un omaggio alla Milano dei "brocchi" e alla boxe di Ottavio Tazzi, il "Maestro dei Maestri", allenatore storico che ha allenato ben 8 campioni mondiali e vero protagonista del video che con le sue parole ricorda quei tempi, di un San Siro "pieno zeppo", di Faini che "dava spettacolo" e dei brocchi che con il loro coraggio onoravano la boxe.

E' una canzone in bianco e nero una vecchia fotografia saltata fuori da un cassetto durante un trasloco, giovani emigranti, denti d'oro, storti e mancanti, con alle spalle il Duomo. Tutti ridono, di speranza. A Milano negli anni '50 la boxe riuniva folle importanti, la gente si appassionava per i grandi campioni ma anche per i perdenti, pugili meno dotati, stortignaccoli o inquartati ma tenaci e coraggiosi

Già Capossela, tempi fa, in un mitico tour dove si esibiva su un ring, aveva omaggiato la boxe e il suo mondo romantico, di combattimenti epici, sangue e sudore. Metafora della vita e delle cose che "si fanno pur sapendo che sono uno sbaglio".

  • shares
  • Mail