Insegne pubblicitarie elettroniche a Milano, favorevoli o contrari?

New York Times Square

Approfitto di una notizia apparsa sul New York Times a proposito della (presunta) pericolosità dei nuovi tabelloni elettronici che si vanno diffondendo negli States. In provincia di Milano ne ricordo solo due, uno sulla Varesina dopo Bollate e l'altro a Cormano, entrambi a Led. A parte l'eccessiva luminosità non mi sembrano così invadenti! O sono così diversi da quelli tradizionali? In autostrada sono fastidiosi ma grazie al cielo diffondono solo annunci e a parte rallentare gli automobilisti sono innocui.

Forse ci attende un futuro alla Minority Report perché sono già sul mercato tabelloni intelligenti (potete leggerne qui, inquietanti...) che mai mi sarei aspettato inventassero. Una fotocamera posta dietro all'insegna ci "legge" una volta che ci passiamo davanti e un software decide quale pubblicità far apparire sullo schermo Lcd, quasi come nel film di fantascienza con Tom Cruise. Brividi. Per ora però parliamo dei tabelloni giganti che ci bombardano di spot ogni sera mentre magari sfrecciamo in auto verso casa o corriamo a prendere la metro. Il sondaggio dopo il salto.

Tempo fa Carlo aveva scritto questo post ricordando come piazza Duomo fosse caratteristica, negli anni Cinquanta del XX secolo, per le insegne pubblicitarie al neon poste sul palazzo di fronte alla cattedrale. Sgarbi quando era assessore le rimpiangeva. Nella foto d'apertura del post l'apoteosi delle insegne pubblicitarie elettroniche, Times Square a New York, vorreste "la" piazza di Milano così? Beh, in effetti un tabellone di questo tipo ce l'hanno piazzato se ci pensate, di fianco a Palazzo Reale, ma nessuno si è lamentato che io ricordi.

Foto | Times Square, NY, npotgieter by Flickr

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: