Weekend fuori porta - Il castello di Cislago e l'eredità degli Sforza

Cislago, i castello
Le previsioni del tempo per il prossimo fine settimana sono disastrose, così la nostra gita fuori porta ci conduce a pochi chilometri da Milano, per scoprire un luogo che fu caro a famiglie dalla grande storia come gli Sforza e i Visconti. Andiamo a visitare il centro storico di Cislago e il suo splendido castello.

La particolare posizione geografica dove oggi sorge la della città di Cislago fu scelta dagli antichi Romani, che secondo ricerche archeologiche la avrebbero fondata, come una buona posizione di sosta lungo la percorsi che da Milano conducevano i commercianti a nord attraverso le Alpi, risalendo il fiume Olona, al confine con la provincia di Varese.

Cislago infatti sorge lungo la strada Varesina, che la lambisce senza però penetrare nel centro storico che conserva così il suo carattere tipico. Il castello merlato, purtroppo privato e difficilmente visitabile, risale alla fine del decimo secolo. La sua imponenza era indice di quanto la posizione della città fosse strategica sulle rotte commerciali.

Il castello nel Trecento passò nelle mani della famiglia Visconti e circa un secolo dopo divenne proprietà degli Sforza. Il castello visse periodi alterni di pace e di guerra, nel 1600 tornò ai Visconti che lo ampliarono ma non cancellarono le tracce del suo burrascoso passato.

Cislago

Passeggiando per le vie del centro cittadino è bene visitare la bella chiesa di San Martino, opera tardo gotica sita vicino alle mura del castello. L'antico oratorio era sede del culto del castellano, stipendiato direttamente dai signori che dominavano la cittadina.

Raggiungere Cislago è semplice, basta percorrere per circa 25 chilometri la statale varesina e dopo aver superato il centro di Saronno si arriva. Le indicazioni per la zona storica del paese sono rintracciabili direttamente dalla statale.

Foto | Comuni-italiani e Wikimedia

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: