A Villa Pallavicini Andrea Pezzi parla di ontopsicologia e della rinascita di Ovo

andrea pezzi, ovoAttraverso una via Padova totalmente militarizzata per recarmi a Villa Pallavicini per l'incontro con Andrea Pezzi che presenterà il suo libro “Fuori Programma”, edito da Bompiani. Pezzi nel libro racconta, tramite succulenti aneddoti, del suo risveglio interiore dopo anni trascorsi in una realtà che non sentiva sua: la televisione e tutto ciò che ne è conseguito cioè soldi e notorietà. Non è l'unico ad aver trovato l'illuminazione dopo la “perdizione”.

Mi viene in mente Paolo Brosio e la folgorazione sulla via di Medjugorie. La sua esperienza è raccontata in un libro stucchevole. Almeno per chi ha la sfortuna di non credere. La ricerca interiore di Andrea Pezzi è stata avviata dalla frequentazione con un uomo “geniale” e dotato di una personalità sulfurea: Antonio Meneghetti, fondatore dell'ontopsicologia che a quanto dice Pezzi è una vera e propria disciplina scientifica studiata in alcune università in Russia e Cina.

Una disciplina così complessa di cui forse solo lo stesso Pezzi in Italia ne ha compreso l'entità e la portata rivoluzionaria. Nel nostro paese le voci che circolano su Antonio Meneghetti sono tutt'altro che edificanti. All'incontro siamo realmente in quattro gatti, di cui tre sono suoi amici, tanto che alzarsi ed andarsene pare maleducazione. L'ex vj è simpatico e vulcanico. Scherza con la manciata di presenti, cerca di rispondere alla difficile domanda su cos'è l'ontopsicologia, facendo un lungo excursus filosofico.

Si capisce che è la gioia di vivere acquisita per mezzo dell'ontopsicologia ciò che gli sta a cuore e che ha voglia di raccontarci. Solo nel finale accenna ad Ovo. Vi ricordate Ovo? Quel fallimentare progetto di descrivere la realtà attraverso una serie di videoclip “che rompessero l'egemonia culturale della sinistra”. Ci fu un buco di circa 5 milioni di euro, ma lo scandalo vero e proprio fu che il finanziatore occulto della società di Pezzi era il gruppo Berlusconi.

Ovo rinasce, depurato di tutta l'energia negativa che conteneva un tempo. Ora a lavorarci è un equipe ristretta di amici di Pezzi (gran parte presenti in sala). Lo scopo è sempre la produzione di videoclip della durata di pochi minuti. Secondo ciò che dice Pezzi questi clip verranno capillarmente diffusi sul web, tramite i maggiori siti d'informazione, su alcune televisioni o via podcast.

L'intento è farci capire la realtà che ci sfugge. “Cosa sono i derivati?”, “Cosa sono gli hedge funds?” i video spiegheranno ciò cui non sappiamo nulla. Ma dove sarebbe la genialità del progetto imprenditoriale? La pubblicità presente nei clip che sarà in stretta relazione al contenuto del video.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: