No Expo: manifestazione a Milano il 14 novembre

Contemporaneamente allo sciopero generale, si protesta anche contro l'esposizione universale.

Ah, l'Expo 2015. Nelle intenzioni delle istituzioni che hanno promosso la candidatura di Milano (al netto di grandi opere, appalti, contratti, ecc. ecc.) doveva essere il volano per la ripresa economica, per il rilancio della città come capitale europea, l'occasione perfetta per ammodernare il sistema infrastrutturale, dare un nuovo skyline a Milano, dare occupazione stabile ai giovani in grave crisi occupazionale. Mancano sei mesi al grande evento e per il momento di tutto ciò si vede ben poco. Un dato per tutti: il flop delle assunzioni con tanto di promozione del "volontariato per Expo", ma si potrebbero citare gli scandali e conseguenti arresti, i ritardi nei lavori, le incognite giganti su come Milano possa reggere l'impatto con i presunti venti milioni di arrivi nel periodo dell'esposizione universale.

Chi fin dall'inizio si è riunito sotto la sigla No Expo (con un po' di pessimismo a priori, magari, ma comunque centrando abbastanza il punto) si è dovuto negli ultimi tempi arrendere visto che, nonostante tutto, l'Expo si farà e visto che le proteste si sono concentrate (a torto o a ragione che sia) su progetti specifici come le vie d'acqua. L'occasione per ritornare a gridare forte contro l'esposizione generale nel suo complesso arriva precisa precisa questo 14 novembre, quando Milano ospiterà la manifestazione e lo sciopero della Fiom contro il jobs act.

Non che l'Expo 2015 sia direttamente collegato al jobs act, e però viste le giganti polemiche che si sono giustamente create attorno alla questione "lavorare gratis per Expo" (moltissime delle posizioni che verranno aperte come responsabile eventi, hostess e quant'altro saranno a titolo gratuito per "fare esperienza e conoscenze"), ecco che lo sciopero Fiom dà l'occasione perfetta per riportare a galla un tema di cui non si è parlato abbastanza.

La vicenda ha fatto sì che qualcuno desse anche vita a una pagina Facebook "io non lavoro gratis per Expo", lo stesso network che sta dietro la manifestazione del 14 novembre, "Scioperiamo Expo":

Numerose sono state le manifestazioni di un malcontento che ha abbracciato una parte della popolazione milanese che non ha esitato a far sentire la propria voce attraverso associazioni e gruppi sul web a partire dalla polemica che ha interessato i volontari all’evento milanese e ai lavori non retribuiti con la crazione di un hashtag #iononlavorogratisperexpo. Per dare un ulteriore segnale alle istituzioni, i ‘NoExpo’ hanno indetto una manifestazione generale il 14 novembre che avrà inizio da Largo Cairoli, a Milano, quartier generale dell’Expo Gate.

evid68

  • shares
  • Mail