Il Duomo di Milano imbrattato da vandali

Hanno agito nella notte lasciando un tag sul portone centrale.

Una delle sacre regole dei writer "civili" è quella di non imbrattare statue e monumenti. Seguita da tutti gli street artist che prendono la loro passione sul serio. Chiaramente, anche a giudicare dalla bruttura, questa regola non è stata seguita dal ragazzino che ha lasciato la sua firma sul portone del Duomo di Milano. Il tutto è avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì, colpendo la porta centrale in bronzo, detta «Porta di Maria», all’altezza dei bassorilievi dedicati alla Passione di Cristo.

Scritte simili si sono viste anche sul portone laterale e sulla parete dal lato dell'arcivescovado. La scritta reca la parola "Distuvy", che non richiama nessun gruppo in particolare e ancor più fa pensare al gesto isolato di qualche ragazzino che voleva solo farsi una facile e rapida notorietà.

Il portone è stato subito coperto da teli e sono già iniziate le operazioni di ripulitura. Del caso si sta occupando la polizia locale. Il vandalo potrebbe essere stato ripreso da una delle tante telecamere che si trovano nella piazza.

  • shares
  • Mail