Disastro Lambro: Striscia la Notizia ipotizza una nuova pista

Ieri un servizio Di Striscia ha aperto un nuovo inquietante scenario sull'inchiesta del disastro Lambro. Secondo una segnalazione anonima arrivata nella redazione del programma di Ricci, dietro il sabotaggio ci sarebbe un giro di vendita clandestino di benzina. In pratica la Lombardia Petroli sarebbe diventata una "Centrale clandestina operativa" fulcro di una truffa milionaria.
Secondo un congegno oliato gli autisti delle autobotti rifornendo i distributori sottrarrebbero piccole quantità di benzina (poche centinaia di litri) alterando il contatore dell'autobotte. I gestori dei distributori non si accorgerebbero dell'ammanco, trattandosi di piccoli quantitativi. In questo modo il carburante avanzato veniva poi trasportato al deposito di Villasanta e scaricato nei depositi. Successivamente sarebbe stato rivenduto a prezzi vantaggiosi a distributori compiacenti. Si ipotizza che il sabotatore sarebbe un autista estromesso dal gioco.

Insomma un giro grosso con in ballo parecchi soldi. L'assessore Cadeo, interpellato da Max Luadadio dice che "questo spiegherebbe perché siano fuoriusciti 2600 litri di greggio in una raffineria di fatto chiusa dal 1985. Evidentemente il deposito funzionava". Speriamo che questo serva ad accelerare le indagini e a chiudere un capitolo vergognoso di una vicenda che non certo non si può definire da "paese civile".

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: