Expo 2015: come sarà l'area di Rho-Pero

I padiglioni, i parchi, il lago, i vari cluster, passerelle e colline.

Expo 2015 - Come sarà l'area di Rho-Pero, in cui - ritardi permettendo - sorgerà tutta la struttura che sarà il cuore pulsante dell'esposizione universale che terra banco a Milano dal primo maggio fino al 31 ottobre? Fino a questo momento si è fatto un gran parlare delle infrastrutture, si è parlato un po' dei padiglioni, ci sono state un mare di polemiche riguardo l'Albero della Vita, ma forse è giunto anche il momento, dopo aver visto a che punto sono i lavori, di andare a vedere come sarà strutturata l'area vera e propria.

Ci viene incontro questo schema, rilanciato dal profilo Twitter ufficiale di Expo 2015.


Così si vede un po' piccolo, ma è sufficiente cliccarlo per vedere tutto alla grandezza giusta. L'ingresso è quindi al Padiglione Zero, dopodiché bisognerà superare la passerella Expo Fiera per entrare poi nell'esposizione universale vera e propria. Potete avere molte informazioni anche a questo link, dove tra l'altro c'è la possibilità di fare una sorta di navigazione in 3D tra tutte le strutture che sorgeranno. Qui leggiamo anche che il sito di Expo 2015 ha un'estensione di "circa 1 milione di metri quadri, un progetto affidato a un gruppo di progettisti supportati da architetti di fama internazionale, tra cui Stefano Boeri, Ricky Burdett e Jacques Herzog, che si sviluppa su due assi ortogonali, che richiamano il Cardo e il Decumano della città romana, impreziosito da un paesaggio straordinario il cui aspetto ricorda un’isola, ricca di spazi verdi e interamente circondata dall’acqua. Il Sito Espositivo di Expo Milano 2015 rappresenta e sviluppa il Tema dell’evento Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita: l’esperienza del visitatore ha inizio non appena varcato l’ingresso".

Varcato l'Expo Center, ci si immergerà subito nei vari cluster dedicati all'alimentazione: del riso, dei legumi, del caffè, del cacao. Nela parte superiore invece incontrerete il Children Park e il Palazzo Italia. Proseguendo si incontreranno le installazioni di arte contemporanea sempre a tema alimentare e il distretto del cibo del futuro. Risalendo, la parte probabilmente centrale di tutta l'area: la Lake Arena con al centro l'Albero della Vita: "Il più grande spazio aperto per i visitatori: un bacino d’acqua circondato da gradinate e una piazza capace di accogliere 20.000 persone e circa 100 alberi. Un luogo destinato a spettacoli e concerti". Ci sarà anche l'Open Air Theater, alla stessa altezza, ma nella parte bassa: "Un grande teatro all’aperto in cui si svolgono concerti, spettacoli teatrali e cerimonie ufficiali. La copertura che si trova sopra il palco è dotata di pannelli solari che produrranno energia per gli eventi".

Vicino alla Lake Arena, troviamo anche il Pianeta delle Biodiversità: "In questa piazza il visitatore affronterà un percorso a tappe per scoprire il valore della biodiversità alimentare, conoscere alcune filiere produttive simboliche, degustare prodotti di tutto il mondo e acquisire consapevolezza circa la necessità di adottare nuove abitudini di consumo". Importante anche la Collina Mediterranea: "Un punto suggestivo da cui godere della vista panoramica su tutto il Sito Espositivo. Qui si trovano le più tipiche vegetazioni e colture dell’ecosistema mediterraneo e gli spazi dell’associazione Slow Food.

Schermata 2014-11-24 alle 15.45.42

  • shares
  • Mail