Elezioni comunali Milano 2016: Pisapia si ricandida o no?

Centrosinistra in fibrillazione in attesa di capire se il sindaco deciderà di correre per un secondo mandato. La decisione entro marzo.

Le elezioni comunali di Milano non sono proprio dentro l'angolo, visto che c'è da attendere ancora più di un anno, ma vista la straordinarietà di un sindaco di sinistra sotto il Duomo e la possibilità che, facendo le cose per bene e considerando il momento storico, questa eccezione alla regola possa ripetersi, non è il caso di dormire sugli allori. Prima di tutto c'è però da capire una cosa: Pisapia ha o no intenzione di ricandidarsi?

Chissà quanti ricordano come l'attuale sindaco di Milano, in campagna elettorale, avesse detto più di una volta di essere intenzionato a candidarsi per un solo mandato. Una sorta di prassi di molti candidati, che viene poi regolarmente smentita una volta che si è preso il gusto di rivestire quella carica (versione maligna) o quando si capisce che per "portare a termine il lavoro" è necessario restare più a lunga alla guida di Palazzo Marino.

Quel che è certo è che la decisione di Pisapia non potrà tardare ancora molto ad arrivare e che il centrosinistra tutto sta attendendo la cosa con una certa urgenza. Le ragioni sono molteplici: da una parte Pisapia si è più volte presentato come "ponte" tra Pd e Sel, come uomo che ha tutte le intenzioni di spendersi personalmente per far sì che il centrosinistra rimanga vita (anche progettando qualcosa di nuovo); dall'altra c'è bisogno di saperlo perché se il sindaco decide di ricandidarsi si possono allora accantonare le primarie, altrimenti c'è bisogno di iniziare le manovre.

La decisione dovrebbe arrivare entro marzo, nel frattempo ci sarà da tenere d'occhio la "Leopolda Rossa" (organizzata a Milano da Sel, civatiani e cuperliani) di fine gennaio, a cui Pisapia parteciperà. Il tempo però sembra essere dalla parte della sinistra, visto la confusione che c'è nel campo della destra. Salvini, ormai è certo, non sarà il candidato sindaco di Milano (viste le ambizioni nazionali della nuova Lega); Lupi ci spera sempre, ma finché non si capisce se il Nuovo Centrodestra sta di qua o di là, non si può nemmeno capire se la sua candidatura andrà in porto; al di fuori di questi nomi, per ora, c'è solo la improbabile candidatura di Antonio Di Pietro.

Milan Council Committee Press Conference

  • shares
  • Mail