Carsharing: 250 Twist distrutte, qual è la ragione?

Su 290 veicoli della flotta, quasi la totalità è stata danneggiata. Per Car2Go ed Enjoy, invece, le cose vanno molto meglio.

250 veicoli Twist, le Up! del quarto operatore di carsharing di Milano, sono state danneggiate. Un numero elevatissimo, soprattutto se si pensa che il tutto è avvenuto nel corso degli ultimi tre mesi e che il totale delle Twist è di 290. Il che significa che praticamente la totalità delle auto è stata vandalizzata: finestrini rotti e navigatori rubati.

Il problema riguarda anche Car2Go ed Enjoy, ma con numeri molto più limitati, circa una decina l'anno. Per Twist, invece, si tratta di una vera e propria emergenza, tanto più in un momento in cui la compagnia, che ha raggiunta quota 20mila abbonati, punta ad ampliare il suo parco a 500 vetture. E se inizialmente i danneggiamenti avvenivano soprattutto in periferia, da qualche tempo hanno preso a colpire anche in centro.

Ma perché si colpisce così tanto Twist? Sembra che la "colpa" sia da cercarsi nel navigatore, che non è integrato all'auto come avviene nei casi degli altri due operatori principali e che quindi rende le Up! molto più esposte: basta qualche accorgimento e quei navigatori si possono mettere a posto e rivendere.

Episodi che però non possono che mettere in luce il brutto vizio italico, la mancanza di rispetto verso quanto non è proprietà privata, ma di uso comune. Una mancanza di cultura, la nostra, che si sta lentamente superando ma che espone a rischi più elevati, rispetto ad altre parti di Europa, le società che, per legittimo guadagno, puntano forte sulla crescita della sharing economy.

Schermata 2015-01-27 alle 11.46.17

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: