Legge anti moschee in Lombardia: cosa prevede

Il centrodestra vara la legge per (tutti) i nuovi luoghi di culto: videosorveglianza, parcheggi obbligatori e referendum.

Quando l'islamofobia supera i livelli di guardia, ecco che a farne le spese sono anche i cattolici (e gli aderenti a ogni altra confessione religiosa). Per l'ansia di mettere i controlli sulle moschee che prima o poi sorgeranno a Milano, infatti, il centrodestra ha varato una legge regionale che impone regole strettissime per la costruzione di nuovi luoghi di culto, comprese le chiese che in futuro si vorranno costruire.

Il ragionamento dev'essersi basato sul fatto che, tanto, di chiese nuove non se ne costruiscono ormai molte, e che quindi la loro legge avrebbe colpito soltanto le moschee che hanno ottenuto l'approvazione per la costruzione in città, tra cui quella che sorgerà dove oggi c'è l'ex Palasharp.

Ma cosa dice questa legge ribattezzata "anti-moschee" (nonostante colpisca tutti i luoghi di culto)? Si tratta in primis di regole urbanistiche molto dettagliate e che quindi complicano non poco la possibilità di dare vita a nuovi luoghi di culto, si legge su Repubblica Milano:

Per aprire nuovi edifici di culto in Lombardia bisognerà tra l'altro effettuare una procedura Vas (Valutazione ambientale strategica); garantire che sorgano in aree collegate a dovere e a una "distanza minima" da altri; che abbiano una superficie di parcheggi pari ad almeno il doppio di quella dell'edificio; che siano dotati di impianti di videosorveglianza collegati con le forze dell'ordine.

I comuni in cui i luoghi di culto dovranno sorgere avranno anche la possibilità di indire un referendum che, se approvato, bloccare la nascita degli edifici. E in tempi di islamofobia, è facile immaginare quali possano essere i risultati di queste consultazioni. Peccato che l'alternativa alle moschee grandi, identificabili, regolate e controllate siano gli scantinati che sfuggono a tutti e all'interno delle quali non si ha idea di che cosa accada e di che cosa si predichi.

moschea milano

  • shares
  • Mail