I milanesi che non sanno che cos'è l'Expo 2015

Non si parla d'altro che dell'Expo 2015 a Milano. Ma non tutti i milanesi sembrano aver prestato attenzione.

Expo 2015 - Da un bel po' di mesi ormai, sembra che a Milano non si parli d'altro che dell'esposizione universale che inizierà il primo di maggio: tra scandali, opere in ritardo, polemiche, ma anche speranze che l'Expo possa portare un po' di lavoro in città e aiutare il rilancio dell'economia; la sensazione è che si sia tutti ben consapevoli di che cosa sia l'Expo.

Fermi un secondo. Che cos'è l'Expo? In effetti anche tra chi, per lavoro o altro, ha seguito tutte le vicissitudini dell'esposizione universale di Milano le idee non sono poi così chiare. Ok, c'è l'Expo; ci sono i padiglioni, si parla di cibo, ci saranno tanti eventi collaterali. Ma quindi se mi reco all'Expo che cosa troverò da vedere? Così su due piedi sembra che l'attrazione principale sia costituita dai padiglioni. Un'attrazione strana, un po' come dire che uno si reca al museo per vedere il museo; o che si va a ristorante per vedere l'architettura del posto.

In effetti si è fatto un gran parlare dei padiglioni dell'Expo: tecnologici, sostenibili, tutti diversi, tutti da vedere. Ma dentro i padiglioni che cosa ci sarà? Lo smarrimento riguarda un po' tutti: nonostante la grande campagna di comunicazione in corso in tutto il mondo ci voglia instillare nel cervello l'idea che l'Expo sia assolutamente da vedere, non è chiarissimo che cosa ci sia da vedere. Anche perché l'alimentazione non è esattamente una cosa che si gode guardandola. Di solito, bisogna mangiarle. E quindi, nei padiglioni si mangerà? Mistero.

La spaesamento che ha colpito anche i tanti che dell'Expo parlano quotidianamente (come il sottoscritto) nel momento in cui bisogna spiegare concretamente che cosa ci sarà da vedere all'Expo ha colpito a maggior ragione i milanesi che sentono parlare di Expo da anni ma non se ne sono mai particolarmente interessati. Potete vedere un campionario esemplare nel video in cima al post:

"Verranno tanti stranieri... A vedere cosa? Non lo so".

"Perché hanno fatto l'Expo? Boh".

"Saranno delle cose da un punto di vista artistico...".

"Si parlerà dell'accoglienza delle persone straniere".

"Che cos'è? Una grande fiera che parla dell'ambiente... Più o meno".


Eh vabbè, anche il più preparato aveva le idee un po' confuse. Un altro grande argomento di discussione è il classico "quanti visitatori verranno a vedere l'Expo?". Per saperlo, ovviamente, bisognerà attendere. Ma stando alle stime e alle vendite incoraggianti dei biglietti si stima che possano arrivare venti milioni di persone. I milanesi lo sanno? Mmmmhh.

"Quante persone sono previste? Qualche migliaio".

"Credo cinquemila"

"Ci saranno tanti giapponesi, tanti cinesi".

"Cinque miliardi? No, cinque milioni. Dieci, venti!".


Complimenti al creatore del video che ha messo a nudo il modo in cui a Milano l'Expo è davvero vissuto, al di là della retorica. Un solo consiglio, qualche lezione d'inglese non fa male. Perché a presentarsi a una ragazza straniera chiedendo "But, Expo... what?", non ci si fa proprio un figurone degno dell'Expo 2015 di Milano.

Andrea Bocelli Performs In Milan For Expo 2015

  • shares
  • Mail