Milano-Roma, c'è chi paga per usare le tangenziali e chi no

Highway americana

Avrete letto o ascoltato ieri per televisione il sindaco di Roma Alemanno: "Se qualcuno mette qualcosa sul Grande raccordo anulare per far pagare il pedaggio, vado io con la mia macchina e lo sfondo" (fonte: Il Sole 24 ORE); nella dichiarazione che ho sentito stamattina al tg specificava anche che avrebbe divelto la sbarra con "la mia macchina privata", è infatti facile sfondare i caselli con le auto blu come subito dalla Lega gli avevano rinfacciato.

Ad ogni modo l'idea del governo è saltata ma i rincari per uscire da Roma ci saranno ugualmente (vi rimando a questo post pubblicato dai nostri cugini di 06blog ieri) e dato il livello di congestione della "tangenziale" romana davvero introdurre delle barriere avrebbe significato paralizzare il raccordo. Tra i commenti al post romano il nostro lettore dariuz non senza qualche ragione scrive: "[...] se mai verrà messo a pagamento sicuramente non ci saranno più file e code ma sarà sempre libero".

E voi milanesi cosa ne pensate? Riuscite a immaginarvi il sindaco Moratti fare una dichiarazione simile per proteggere i portafogli degli automobilisti lombardi? Tra parentesi, da quanti anni paghiamo l'utilizzo della Tangenziale Est senza battere ciglio? Non c'è forse il paradosso che se fai il giro di Milano senza uscire dalla tangenziale, badate bene, si paga? Anzi, ricordate la proposta di sei mesi fa di far pagare a chi utilizza l'anello milanese un biglietto per finanziare le metropolitane? Scriveteci la vostra opinione nei commenti.

Foto | Andrew Bossi by Flickr

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: