Expo 2015: scontro nel Pdl di Roberto Formigoni che chiede aiuto a Giulio Tremonti


Anche la riunione indetta ieri dal Consiglio d’Amministrazione di Expo 2015, malgrado le premesse della vigilia, si è conclusa con un nulla di fatto. Anzi. Paradossalmente sembra che ci sia stato un passo indietro.

Roberto Formigoni (Governatore della Regione Lombardia), attraverso la stampa, ha smentito le dichiarazioni rilasciate dai colleghi di partito Letizia Moratti (sindaco di Milano) e Guido Podestà (Presidente della Provincia di Milano) che già davano per certo l’acquisizione delle aree attraverso il comodato uso.

Lo scontro politico tra i tre rappresentanti del Popolo delle Libertà si somma a quelli che in queste settimane si sono registrati attorno a Expo 2015. Non più tardi di un mese fa, infatti, la Lega Nord invitava i tre contendenti a gestire l’Esposizione Universale con le strutture già esistenti.

Di parere analogo si è sempre detto anche il Ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, che chi lavora su Expo 2015 non perde occasione di citare per risolvere i problemi che il Consiglio d’Amministrazione non riesce a risolvere.

Roberto Formigoni, oltre a precisare il proprio disappunto verso i colleghi, nella giornata di ieri ha fatto sapere di voler iniziare a collaborare con il responsabile del Tesoro, a cui i problemi da gestire non mancano, per trovare un commissario (sì, un altro) con il quale terminare l’acquisto delle aree.

  • shares
  • Mail