Stazione Centrale, verso quota 94 negozi e il coronamento della ristrutturazione

Stazione Centrale Scale Mobili

Il tono velatamente ironico di un articolo di Andrea Galli sul "Corriere" di lunedì (lo trovate cliccando qui), che ha fatto un tour dello scalo con Fabio Battaggia a.d. di Grandi Stazioni, la dice lunga sulla sospirata ristrutturazione della Stazione Centrale. Mentre fuori, ahinoi, il candore ritrovato degli esterni inizia già ad appannarsi sotto i colpi dello smog milanese gli interni si vanno via via riempiendo di nuovi e scintillanti negozi. Più del 50% delle attività che hanno deciso di stanziarsi in Centrale si sono insediate e alla quota finale di 94 esercizi commerciali – tra cui una Feltrinelli multipiano – si arriverà a Natale.

Adesso soprattutto se vi mettete nei panni del turista sembra di entrare direttamente alla Rinascente se scendete le scale mobili che vedete trasfigurate nella foto d'apertura di Michele M. D'altra parte la stazione è ora, mi sembra, correggetemi altrimenti, molto meno percepita come luogo di paura – sebbene la popolazione derelitta da Centrale che chiunque abbia sopra i vent'anni si ricorda bene non sia di certo scomparsa – cosa neppure lontanamente immaginabile anche solo cinque anni fa. Rimangono tanti vecchi problemi ma l'aver portato i negozi in stazione sembra aver portato una qualche luce in uno dei buchi neri della città.

Detto questo, ricordate il nostro sondaggio di gennaio? Vi avevamo chiesto se era davvero una babele la "nuova" Centrale, come in effetti appariva un po' a tutti nonostante i miglioramenti che di fatto si stavano via via compiendo, avevate risposto in 257: 122 di voi l'avevano promossa e 135 rimandata. Adesso vi riproponiamo il quesito e vediamo se è cambiato qualcosa!

Foto | Michele M. (www.latente.it) by Flickr

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: