Brutti CEFFI a Milano: Cantieri Eterni, Frustranti e Francamente Irritanti



Il copyright, geniale, è di Beppe Severgnini che sulle colonne di Italians sul Corriere di oggi, apostrofa in questo modo i cantieri infiniti di Sant'Ambrogio, piazza Novelli e Darsena. Crateri di inusitata bruttezza, lavori impantanati in un tunnel di cui non si vede la fine.

Non è la prima volta che il giornalista si occupa della nostra città, già lo aveva fatto a proposito di doppia fila e scale (im)mobili della metro. Questa volta la penna caustica è tutta per il cantiere di S. Ambrogio. La "novità" sarebbe la nascita di un orto botanico, spontaneo, dovuto alle erbacce che stanno crescendo sugli scavi; la natura si starebbe riprendendo il mal tolto.

Altra ferita, Novelli, i cui scavi sono stati interrotti dall'elettrodotto che rifornisce corrente elettrica a mezza Milano. Il Comune sapeva, ma permesso comunque accordato. Simini, in una recente intervista diceva "È andata così, ma adesso il cantiere è al lavoro". Su un cartello elettronico si dice "traffico deviato fino al termine dei lavori". Forse ne dimentichiamo qualcuno...

Foto by Flickr

Infine la darsena, Severgnini ipotizza che una qualsiasi città europea ne avrebbe fatto un vanto, un gioiello urbano. Milano una discarica. Il Comune lo sta bonificando e l'acqua tornerà ad Aprile 2011 insieme a panchine e chioschi. Il giornalista del Corriere ha però dimenticato il cantiere di piazza XXv aprile e quello di Largo Gavirate, anch'essi in stato comatoso.

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: