La torre in piazza Duomo non si tocca, meglio abbassarla

torre di luce duomo

In gergo scacchistico, sarebbe uno scacco alla torre. La torre apre una frattura tra sovrintendenza e Comune di Milano. Della rocambolesca vicenda torre di luce in Duomo ce ne siamo già occupati. In due parole la Sovrintendenza aveva espresso parere negativo alla torre di luce sponsorizzata da Audi, per “sovraffollamento”. Piazza Duomo sarebbe sovraccarica di attrazioni.

Parere che ha avuto la pronta risposta del Comune che dichiara per bocca dell’Assessore Cadeo “la torre s’ha da fare”. Senza sponsor Audi addio a 600.000 euro, "con il risultato che non potranno essere finanziati altri progetti in città". Ieri il Comune ha presentato alla Sovraintendenza il nuovo progetto della torre: più bassa e più defilata (collocata ora all'angolo con via Mazzini).

Dovrebbe essere montata lunedì. Sempre se la Sovrintendenza non si opporrà al progetto rivisto. In caso negativo Cadeo si dice pronto a disturbare il ministro Bondi, impegnatissimo a scongiurare le accuse di inefficienza che gli sono piovute da più parti dopo il crollo di Pompei.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: