Trasporti, più risorse del previsto ma aumenti in vista per biglietti e abbonamenti semplici

Centrale treni Lombardia

Possiamo parlare di buone notizie alla Report? Grazie a un articolo di Laura Guardini sul "Corriere" di oggi i pendolari che vanno e vengono da Milano forse possono farsi un quadro più preciso di quanto dovranno spendere per biglietti e abbonamenti all'inizio del prossimo anno. Non molto di più se già usufruiscono di abbonamenti complessi o integrati. L'accordo tra il Governo e la Regione Lombardia ha infatti fatto sì che i tagli per il trasporto pubblico siano passati da 300 a 99 i milioni.

Tutti i dettagli - e le prime tariffe diramate a mezzo stampa - li leggete nel pezzo della Guardini (lo raggiungete cliccando qui). Nonostante ai mezzi pubblici siano state garantite più risorse rispetto alla paventata stangata la "possibilità di rincari fino al 20%" è molto più reale di quanto le parole dell'assessore Cattaneo lascino a intendere.

Le dichiarazioni di Cattaneo sono state pubblicate su www.ilsussidiario.net: proposta di sconto del 10% sugli abbonamenti di gennaio per i pendolari lombardi (ricordate i disagi per il nuovo orario ferroviario?); nessuna riduzione dei servizi; introduzione del biglietto unico; se le aziende di trasporto pubblico forniranno un servizio scadente non ci sarà nessun aumento, viceversa quelle virtuose potranno procedere. I rincari sono previsti per biglietti e abbonamenti semplici a partire dal 1 febbraio.

Foto | (aggiornata: 27/12/2010) Eric Borda by Flickr

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: