I Cento Progetti realizzati: il libro della Moratti a casa tua


Promesso, impacchettato, spedito. È finalmente arrivato nella casella postale dei milanesi il libro di Letizia Moratti "I cento progetti realizzati". Accompagnato da una lettera in cui il sindaco dice di voler rendere partecipe tutti i milanesi (e me) di tutto quello che è stato fatto.

Con il coeur in man, Letizia ci confida che "Sono stati 5 anni molto belli e molto intensi". Commovente. Dopo la manfrina sentimentalista inizia subito a snocciolare i grandiosi risultati: "nuovi posti negli asili, libri gratuiti, nuovi alberi, nuovi luoghi di cultura e via così sulla chiusa: lavorare per il bene di tutti è il cuore e l'obiettivo di ogni azione politica.

Non voglio anticiparvi tutti i contenuti del fascinoso libro, sono tanti, corredati da foto "episcopali" dove Letizia, senza segni di rughe (potenza di photoshop) opera bagni di folla entusiastici in mezzo alla gente, per la gente. Diviso in capitoli, 5, tutti titolati con il medesimo incipit: "stiamo lavorando per una Milano...

I Cento Progetti realizzati: il libro della Moratti a casa tua
I Cento Progetti realizzati: il libro della Moratti a casa tua
I Cento Progetti realizzati: il libro della Moratti a casa tua
I Cento Progetti realizzati: il libro della Moratti a casa tua

...sempre più vicina alla famiglia, sempre più sicura, dove vivere meglio, sempre più al servizio dei milanesi, più bella da vivere, più capitale della cultura. Insomma una Milano più. Nel capitolo famiglia si parla di housing sociale con i progetti in corso (30000 alloggi entro il 2020), tirando in ballo il famigerato PRG, e l'unico esempio di nuove case popolari realizzate in via Gallarate.

Ben 10 le pagine dedicate alla sicurezza, dimostrano quanto il tema sia uno dei punti cardine della campagna elettorale. Nella prima pagina il dato salta all'occhio rilevante: "-48% di reati in 3 anni". E ancora, lotta all'abusivismo, ordinanze antidegrado, messa in sicurezza dei campi nomadi. Si prende in esame la mobilità con una paginetta striminzita all'Ecopass (strano), alle piste ciclabili (contestatissime le ultime realizzate in via Vittor Pisani), il bike Sharing e la famigerata mobilità sostenibile. Insomma i dati sono snocciolati con cura. Ma molto, mi sembra, sia suscettibile di smentita e osservazioni.

Vi avevamo accennato dei manifesti della Moratti e questo libro si aggiunge ad una campagna che costa parecchio. D'altronde stampare e spedire un libro ha i suoi costi. Donna Letizia, non ufficialmente, avrebbe investito una somma tra i 40 e i 50 milioni di euro. Un'enormità senza paragoni nella storia italiana. Otto volte superiore ai 6 milioni che la Moratti spese nel 2006 per la sua prima elezione. Certo sono soldi privati, dunque nessun problema, in mancanza di una legge che limiti i budget di spesa per campagne elettorali. Rimane il problema della trasparenza nei confronti dei cittadini che solitamente si indignano di fronte a queste cifre. Un investimento elettorale che alla signora Moratti porterebbe solo 4800 euro al mese. D'altronde il lavoro non è ancora finito, rimane ancora tanto da fare.

  • shares
  • Mail
30 commenti Aggiorna
Ordina: