La festa delle biciclette: giovedì 14 in corso Garibaldi "Biciclette Ritrovate"

L'evento per tutti i bike lovers, coloro che combattono tutti i giorni con il pavè, le finte piste ciclabili (ne ha parlato esaurientemente Repubblica ieri con un titolo eloquente: Marciapiedi stretti e vetture in sosta le nuove piste ciclabili sono un flop), la cronica mancanza di rastrelliere per parcheggiare le bici (a proposito: quelle promesse in corso Buenos Aires? Ieri per prendere un gelato ho dovuto chiedere ad un passate di tenermi d'occhio la bici per la mancanza di un palo libero a cui legarla).

Nonostante i proclami dell'Amministrazione e i meriti attrabuitisi (vedi il libro I 100 progetti della Moratti) per il bike sharing e le nuove ciclabili, a Milano pedalare rimane un'odissea. Per moltissimi la bici "è la soluzione" per la riduzione del traffico; tanto più che la città è completamente piatta. D'altronde ci sarebbe bisogno di coraggio per trasformare Milano in una città a misura di bici (come ci sarebbe voluto coraggio a costruire una pista ciclabile in Corso Buenos Aires, per dirne una). Ma tant'è.

Consoliamoci dunque con questo evento ad ing. libero, giovedì 14, in pieno fermento da Salone del mobile e annesso Fuorisalone. La quinta edizione di Biciclette Ritrovate dal 2007 "un appuntamento fisso per gli amanti delle due ruote e del design".

In Corso Garibaldi 71 si potranno scoprire da vicino decine di pezzi unici, come le ruotone dell’Ottocento, le bici dei lavori (l’arrotino, il panettiere, il postino, il pompiere) e le bici da corsa degli eroi Fausto Coppi e Gino Bartali. In più tanti spettacoli all’aperto, presentazioni di libri nello storico magazzino di Rossignoli, letture di brani sul ciclismo epico, ma anche fotografie e filmati storici. Sarà visitabile anche la mostra fotografica "Milano e la bicicletta. Una storia d’amore" con scatti del fotografo milanese Stefano Pozzi.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: