Ballottaggio Milano 2011, i volantinaggi elettorali al cimitero?

volantinaggi cimiteroUn weekend infuocato per quanto riguarda la sfida per il ballottaggio Milano 2011: avrete letto. È successo di tutto: aggressioni fasulle, aggressioni vere, promesse di sanatorie, promesse di ministeri a Milano - la prossima per me sarà Milano senza Iva per i prossimi cinque anni, una Livigno padana - il venerdì messaggi e reti unificate imbarazzanti del Presidente del Consiglio. Ma quella è la cima della piramide: vediamo la base.

Vi racconto una storia: come tutte le domeniche ieri mio padre è andato in un cimitero della periferia nord della città insieme a mia nonna. All'ingresso, un volantinaggio di non vi dirò che partito. Lo intuirete dalla reazione della gente - principalmente ultraottuagenarie con amiche o figli o figlie sessantenni al seguito - non proprio positiva. Parole di mio padre: "Dà retta: tutti li mandavano a c****e, tutti".

Ora: non so voi, ma io è la prima volta in vita mia che sento di volantinaggi elettorali davanti ai cimiteri a Milano. Magari è la cosa più normale del mondo, non ne ho davvero idea: o magari è una scivolata di pessimo gusto, un po' infame, andare a fare propaganda davanti a degli esseri umani che vanno a piangere o pregare su una tomba, e giustamente non hanno proprio la forma mentis per apprezzare.

Voi avete qualche notizia in più? Sapete se lo fanno sempre o se è un'idea che gli è venuta ora?

  • shares
  • Mail
27 commenti Aggiorna
Ordina: