Han rubato il Duomo di Milano, il testo della canzone di Pinchi e Panzuti

"Han rubato il Duomo di Milano" è una canzone del secondo dopoguerra, credo del 1948, scritta da Giuseppe Perotti, nome d'arte "Pinchi", e Virgilio Panzuti. Possiamo ascoltarla su You Tube nell'esecuzione di Luciano Tajoli, vincitore del Festival di Sanremo nel 1961 con il pezzo "Al di là" (www.lucianotajoli.it). È un valzer allegro dal testo leggero e originale: cosa accadrebbe se un giorno ci rubassero il Duomo? Potete improvvisare un "momento Antenna 3" facendo due passi di danza, studiarvi lo spartito (lo trovate qui) oppure seguire di seguito il testo:

«Stamane mi sono svegliato / colpito da voci e clamor / di fuori una gran confusione / si vedeva / dal balcone. / Le strade eran tutte affollate / gli strilloni sentivo gridar / è un'edizione special. Rit.: Han rubato stanotte alle tre / il Duomo di Milano. / Quanta gente fra sé / si domanda com'è / porca l'oca / ma il Duomo dov'è? / Con un metodo tutto special / brevetto americano / l'han potuto spostar / sollevare pian pian / e fuggire con l'areoplan. / Si son presi anche la Madonnina / tuta d'ora / piccinina. / E Pierino che fa i lacrimoni / bojoni bojoni / si è messo a gridar. /

Rit.: Han rubato stanotte… / Da tutte le radio del mondo / la strana notizia volò. / Gridavano in ogni stazione: / attenzione! / attenzione! / Un premio di cento milioni / potran vincere gli ascoltator / se pescheranno gli autor. / Son rimasti soltanto i lampioni / con i grandi / cartelloni. / E Pierino che tra i lucciconi / bojoni bojoni / si è messo a gridar. / Rit.: Han rubato stanotte… / (È una favola ma / col progresso chissà / forse un giorno accadere potrà)». Beh, mi viene da pensare che ad Abu Simbel ce l'hanno già fatta. Piazza Duomo senza el Dom de Milan, pusibil?

Sonoro | You Tube

  • shares
  • Mail