Happy Hour al Museo del 900, c’è chi dice no.



A Milano si fanno aperitivi ovunque: in terrazza, in palestra, in cortile e in piscina. Poteva mancare l'aperitivo sulla terrazza del Museo del Novecento all’Arengario con vista su Piazza Duomo? A qualcuno sarebbe piaciuto. Come al MoMa di New York il cui bar è diventato il ritrovo fisso di hipster e sedicenti artisti.

Ma a rovinare la festa ci pensano le autorità delle belle arti: "L’happy hour in terrazza è una scelta infelice. Tradisce il valore dell’Arengario, vincolato e protetto dalle Belle arti, lede l’immagine del palazzo storico, ignora le basilari regole del decoro urbano".

Questo il commento lapidario del soprintendente ai Beni monumentali e paesaggistici Alberto Artioli, colui che a Natale bocciò la torre di luce in piazza Duomo, ricordate? Per la cronaca a proporre l'opportunità era stato uno dei ristoranti più gettonati dai turisti e dai palati fini della città, Da Giacomo. E voi, siete d'accordo con l'autorità? Oppure siete d'accordo nello svecchiare l'arte con party e happy hour come fa da tempo la Triennale?

  • shares
  • Mail