Copia e incolla: le dieci idee da copiare per il Comune di Milano

copia e incolla idee comuneTutto il mondo è paese? Mai proverbio fu più sbagliato. Almeno questa è l'idea che viene leggendo le decine e decine di proposte arrivate dai milanesi che hanno viaggiato nei 5 continenti e hanno inviato al Comune le "buone pratiche di amministrazione pubblica" incontrate nei luoghi di vacanza (nell'ambito dell'iniziativa "Copia e incolla" dell'assessorato al tempo libero, ne aveva scritto Luca Albani). Ovvero idee intelligenti che altre città usano e che si potrebbero applicare anche a Milano. Abbiamo selezionato per voi una top ten delle proposte più divertenti, utili e - talvolta - bizzarre.

Decimo posto, posti auto prémaman. "Parcheggi riservati alle mamme in dolce attesa. Questo l'ho trovato a Massa Marittima, vicino ai (pochi) parcheggi a pagamento. Ne ho visti anche al centro commerciale di Paderno Dugnano, su iniziativa del gestore del centro".

Nono posto, le panchine portatili. "A Jardins du Luxembourg Paris le sdraio di ferro più comode e robuste si possono spostare per chiacchiere in compagnia. Ideali per Milano. Al posto delle scomode panchine immobili".

Ottavo posto, progetto trasparenza. "Al Bundestag di Berlino le pareti sono di vetro per permettere ai cittadini di "partecipare" alla vita politica. Quindi quello che si fa dentro uffici,sala del parlamento,ristorante e aree comuni è sotto gli occhi di tutti".

Settimo posto, arredamento fai da te. "A Bonn e a Essen, una sera al mese, è possibile mettere in strada i pezzi di arredamento (in senso lato) non più utilizzati e da trasportare a pubblica discarica. Chiunque ha bisogno di un pezzo e lo ritiene riutilizzabile, se lo carica in braccio, in bicicletta o in macchina e se lo porta a casa. Inutile dire che quella sera c’è un bel movimento di persone alla ricerca di quanto le serve".

Sesto posto, mercatini domiciliari. "A Londra durante il carnevale caraibico (?) d’agosto, dalle case delle vie interessate, la gente può vendere bibite e cibi. Solo per quell’occasione, a quanto so, e per raggranellare qualche soldino. Si potrebbe fare una cosa simile anche qui, magari non con le cibarie. Regolamentata come zone e giorni precisi dove ognuno vende e scambia quello che ha".

Quinto posto, autostop pubblico. "Un autostop organizzato con fermate come quelle dei mezzi pubblici. Pensate da noi quante macchine girano tutti i giorni ed attraversano la citta o entrano con una sola persona a bordo; quante altre persone potrebbero utilizzare quei posti vuoti?".

Quarto posto, le fattorie nei parchi. "Una bella idea che abbiamo scoperto ad Amsterdam. Le fattorie per bambini (ma belle anche per i grandi). Non bisogna andare in campagna a conoscere gli animali da vicino, ma ci sono piccole fattorie sparse nei parchi della città. Non bisogna prenotare, non bisogna pagare, si possono fare feste ed i bambini sono liberi di giocare e toccare gli animali".

Terzo posto, spremiagrumi del Comune in affitto. "A Parigi il Comune aveva collocato in giro per la citta’ dei "banconi" con spremiagrumi, a forma di arancio (il frutto), che affittava a pochi euro. Quando non utilizzati, formavano un frutto intero, aperti un mezzo arancio. Molto divertenti. Chi lo affitta (anche solo per poche ore) può comperare un po' di arance e vendere succhi freschi, guadagnare e poi chiudere. Ideali per studenti".

Secondo posto, scoiattoli obbligatori. "Credo sarebbe gradito e piacevole che in alcuni parchi milanesi, se non in tutti, ci possano essere degli scoiattoli, così come avviene ad esempio nei parchi londinesi e, credo, in molti altri."

Primo posto, il pronto soccorso per le piante dei morti. "Perchè tramite Amsa non inventate un servizio di ritiro, una serra, un giardino di piante da regalare o vendere ad un prezzo simbolico per autofinanziarsi, alberi da ripiantare nei parchi, nelle aiuole, di milanesi che non ci sono più ma che hanno piante dimenticate in appartamenti vuoti?"

Qui la pagina Facebook con tutte le proposte.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: