Milano Alta o il nuovo stadio del Milan? Il futuro dell'Area Portello si decide nelle prossime ore

Il Milan alza l'offerta, ma di mezzo ci sono anche altre variabili.

schermata-2015-02-27-alle-10-34-18.png

La sensazione è che se non fosse per alcune questioni, diciamo così, politiche, la decisione sarebbe già stata presa e sarebbe andata a favore del nuovo stadio del Milan. Tanto più che i rossoneri hanno rialzato parecchio, dicendo di essere disposti a farsi carico interamente dei costi di bonifica del suolo (che sono una grossa incognita) e alzano l'affitto di locazione di altri 450mila euro, portandolo così a 4 milioni di euro l'anno.

Per Milano Alta - il progetto che prevede una linea verde che scorre longitudinalmente accanto alla struttura del Portello. Un chilometro di percorso ciclopedonale sopraelevato (a 7 metri) lungo viale Scarampo, che scavalca viale Teodorico e via Colleoni, e con all’interno un mega albergo, ristoranti, attività per il tempo libero e uno spazio per l’insediamento delle ormai canoniche "start up ad alto contenuto di innovazione" - sembrava fosse finita.

E invece è arrivata la sorpresa: decisione rinviata a oggi o al più tardi domani. Come mai? Il fatto è che il fronte del 'no' allo stadio del Milan in piena città si espande. Lo stadio non piace ai residenti, che infatti sanno protestando, e non piace nemmeno ai politici. In particolare, agli esponenti del Pd che sanno benissimo che si troverebbero una bella gatta da pelare durante le prossime elezioni comunali del 2016 in caso di forte malcontento.

Se dovessero vincere le motivazioni economiche, il bando andrà al Milan, su questo non ci sono dubbi. Se invece dovessero prevalere questioni politiche e urbanistiche, allora Milano Alta ha più di una chance. Comunque, si saprà tutto tra poco.

  • shares
  • Mail