Il nuovo stadio del Milan rischia di saltare?

I rossoneri e la fondazione Fiera ai ferri corti.

nuovo-stadio-milan003.jpg

Da quello che si sa, nel progetto con cui il Milan ha vinto la gara per l'assegnazione dell'area ex Portello di proprietà della Fondazione Fiera c'era anche la voce "bonifica" dei terreni a spese della squadra. Qualche tempo dopo, evidentemente, i rossoneri ci hanno ripensato, perché sotto questa particolare voce si stanno decisamente tirando indietro. Una vicenda che la stessa Fiera non ha preso bene, per niente.

Tanto che adesso si parla già di possibile divorzio, con tanti saluti al progetto dello stadio e con somma felicità degli immancabili comitati di residenti che sono già scesi sul piede di guerra. Ma che succede? Il Milan, in poche parole, non vuole più sobbarcarsi le spese di bonifica, che sono un'enorme incognita ("Nessuno sa cosa c'è la sotto"). Fondazione Fiera ha risposto minacciando le vie legali.

Da parte del Milan c'è un punto di forza non da poco: finora il tutto era alla voce "manifestazione d'interesse", non c'è niente di vincolante. Strano a dirsi, dopo il lavoraccio compiuto per arrivare alla scelta della società che avrebbe potuto dare vita ai suoi progetti, ma è così. In più il Milan lamenta di non aver ancora potuto "ricevere i carotaggi né ricevere le carte in merito".

Il punto, comunque, è che "nessuno sa cosa si potrebbe trovare nel sottosuolo e nemmeno Fiera, proprietaria dei terreni, ne è a conoscenza. Se si scoprisse che nel sottosuolo la situazione fosse più grave (con la necessità di interventi di bonifica molto rilevanti) di quella solamente ipotizzata da Fiera, ciò significherebbe che quell'area poteva essere nemmeno proposta in locazione per realizzare uno stadio".

Da parte sua la Fondazione fa notare che "il Milan fa carico alla Fondazione di ritardi e di mancata autorizzazione a effettuare carotaggi che non hanno alcuna attinenza con quanto concordato e alcun riscontro con la verità". E intanto il candidato alle primarie per decidere il prossimo sindaco Majorino si schiera nella maniera più semplice: "La proposta del Milan sullo stadio in fondazione Fiera non ha gambe".

  • shares
  • Mail