Il traffico sulla BreBeMi e sulla Teem? Non esiste (il pedaggio, invece, sì)

Miliardi di euro spesi tra le polemiche. Per due opere che si sono rivelate, almeno finora, completamente inutili.

La BreBeMi (autostrada Brescia-Bergamo-Milano) è costata 2,4 miliardi di euro. La Teem (Tangenziale est esterna di Milano) è costata 2,2 miliardi di euro. Il traffico invece non è per niente lievitato. Anzi, sulla BreBeMi è fermo a circa 13mila ingressi al giorno (dati di giugno), contro previsioni che volevano che fosse almeno quattro volte superiore. Un aspetto positivo, in tutto questo, c'è: se volete evitare il traffico basta prendere la BreBeMi.

Ma perché un'arteria per la quale si è speso più di una volta l'aggettivo "strategica" sta così clamorosamente mancando l'obiettivo? La ragione principale la si conosce già: i costi eccessivi del pedaggio. 12,4 euro di un pedaggio notevolmente superiore a quello della A4 (6,3 euro). Anche se - così almeno si giustifica la società costruttrice - "si risparmia in tempo e carburante". Sul tempo non ci sono dubbi, visto che è sempre vuota. Ma sono incentivi evidentemente non sufficienti.

Una bella seccatura per i costruttori, che dovevano costruire il tutto esclusivamente con fondi privati (poi invece una bella mano, al solito, è arrivata anche dal pubblico) e che adesso non sanno come rientrare delle spese con i pedaggi, visto che di traffico ce n'è proprio pochino. Si prova a rimediare con lo sconto del 15% prorogata fino al 31 dicembre 2015 (altro segnale che le cose proprio bene non vanno) e sbandierando nuovi numeri più ottimistici: "Dopo il mese di giugno il traffico è più che raddoppiato". Ma bisognerebbe vedere come sono andate le cose sulle altre autostrade, visto che, dopo giugno, di solito, vengono luglio e agosto, ovvero i mesi dei weekend fuori città e delle vacanze.

E sulla Teem, che si dice? La media è di 16mila transiti al giorno, ben al di sotto della capienza potenziale che è di circa 70mila vetture. Anche qui, la ragione nei costi: 5,6 euro di pedaggio per percorrere i trenta chilometri che la compongono, a differenze dei tre euro per la "normale" tangenziale est. La speranza è che col passare del tempo si trovi il modo di far funzionare queste due nuove bretelle inaugurate tra tante fanfare e tantissimi sospiri di sollievo. Non per altro, ma almeno per dare un senso a tutto l'asfalto che è stato colato a danni di paesi, fiumi, terreni.

traffico brebemi teem pedaggio

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: