Il successo dei bus notturni, 8mila passeggeri a weekend

I numeri sono estremamente incoraggianti. La Rete notturna partita a fine settembre fa una media di ottomila viaggiatori a bordo ogni weekend, con picchi tra le 2 e le 4 e tra le 5 e le 6. Il primo bilancio dell'affluenza sugli autobus notturni - undici linee dalle 2 alle 6, introdotti in città da fine settembre - è positivo, a dimostrazione dell'alto gradimento da parte dei giovani milanesi.

L’autobus più usato di notte risulta essere quello che ogni mezz’ora fa la spola tra Abbiategrasso e Cascina Gobba, la sostitutiva della Linea 2. Una linea per la quale in tanti hanno rimproverato la scarsità di cartelli alle fermate, che spesso non coincidono con le stazioni del metrò. Una lacuna che il Comune promette di sanare al più presto. Ma l'anomalia pare essere un problema di tutte le linee come dimostra l'esperienza di Anoneemo che nei commenti del precedente post dichiarava:

Avrei voluto prendere la NM3, ma non ho capito dov’era la fermata in Duomo. Ho chiesto ad un poliziotto che navigava con il suo netbook guardando le foto di una ragazza su facebook e a un vigile, nessuno dei due mi ha saputo dare indicazioni. In via Mazzini non c’era nessuna indicazione. Alla fine passava di lì un amico e mi ha dato uno strappo.

Alla fine sono in tanti a rinunciare al servizio perchè non sanno dove è la fermata. Qualcuno inoltre, al fine di aumentare gli utenti, chiede di pubblicizzare il servizio nelle scuole, all’università e nei locali notturni. Io stesso quando parlo con qualcuno che abita in provincia scopro puntualmente che non è al corrente del servizio. Numeri incoraggianti, ma tante cose da migliorare, soprattutto l'informazione. Vogliamo sentire la vostra esperienza: cosa funziona e cosa no. E se lo avete provato, siete soddisfatti del servizio?

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: