Elezioni comunali Milano 2016: Vittorio Sgarbi si candida a sindaco

Vittorio Sgarbi conferma la sua volontà di essere nella rosa dei candidati sindaco. Lo farà attraverso il Partito della Rivoluzione.

Alle elezioni comunali di Milano del 2016, ci sarà anche Vittorio Sgarbi: il critico d'arte (tra le altre cose) ha confermato la sua volontà di entrare a far parte della rosa dei candidati sindaco. La conferma arriva via Facebook:

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Ho deciso: sarò candidato sindaco a Milano. Con il PDR, il Partito della Rivoluzione. Presto un'assemblea pubblica con i miei sostenitori.

Posted by Vittorio Sgarbi on Lunedì 26 ottobre 2015

Curioso il fatto che poche ore dopo lo stesso Sgarbi scriva: "Sarò candidato sindaco a Milano o assessore a Roma". Il che fa pensare che il nostro non abbia ancora le idee del tutto precise. Ma mettiamo che davvero decida di partecipare, a che pro lo fa? Di sicuro non sarà il candidato unitario del centrodestra, mentre con il suo Partito della Rivoluzione può puntare giusto su qualche vota di amici e conoscenti, voti di protesta estrema, voti goliardici.

Il che basta giusto giusto ad arrivare all'1% più o meno (probabilmente meno). E quindi, qual è l'obiettivo? Probabilmente quello di regalarsi una nuova dose di visibilità e magari puntare, in caso di vittoria del centrodestra, a riprendersi quell'assessorato alla Cultura che già conquistò ai tempi della Moratti (e dal quale fu cacciato in seguito a seri dissidi con colei che definì Suor Letizia). A onor del vero, comunque, va detto che come assessore alla Cultura Sgarbi non si era mosso affatto male, lanciando la street art, difendendo le mostre più provocatorie e ponendosi come baluardo in difesa dei murales del Leoncavallo.

  • shares
  • Mail