Definito il Piano Triennale delle Opere Pubbliche 2012-14: il Comune dà la priorità alle opere di utilità sociale

piano triennale milano, opere pubbliche milano, giuliano pisapia, piste ciclabili, barriere architettoniche
Come apprendiamo da una nota pubblicata pochi minuti fa sul profilo Facebook di Giuliano Pisapia, stamattina la Giunta ha approvato due delibere che definiscono le modalità di intervento e di riqualificazione del territorio cittadino nei prossimi tre anni. La bella notizia è la volontà, almeno sulla carta, di "evitare i libri dei sogni che poi si rivelano inattuabili" e badare alle necessità prioritarie dei cittadini.

In particolare per il prossimo anno l'impegno è quello di ampliare le piste ciclabili (una delle più grandi promesse della campagna elettorale), di abbattere le barriere architettoniche e di bonificare gli edifici ancora imbottiti di amianto, in primis quelli scolastici. Nel complesso, nel triennio 2012-14 verranno investiti quasi 4 miliardi di euro invece dei 7 miliardi previsti dalla precedente amministrazione.

Tra i progetti che verranno intrapresi si parla del Piano di riqualificazione per la Darsena, delle opere per il Parco Forlanini, della ristrutturazione del Museo del Risorgimento, della messa in sicurezza del Seveso dal rischio di esondazioni e dei lavori di miglioramento alla linea 92 nel tratto via Tertulliano-via XXII marzo e viale Umbria.

Di certo fa piacere sentire, per la prima volta da anni, una Giunta che preferisce il realismo e l'utilità sociale alle promesse impossibili da mantenere e alle cattedrali nel deserto. Altrettanto certo, però, è che con l'Expo che si avvicina i milanesi iniziano ad essere inquieti su qualche grande opera promessa e non ancora realizzata, le nuove linee metropolitane, prima di tutto.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: