Primarie Pd Milano 2016: perché in tanti chiedono a Majorino di ritirarsi

Il rischio è di regalare le primarie a Giuseppe Sala.

chi è pierfrancesco majorino

Nonostante il pressing si stia facendo sempre più intenso, sembra proprio che Pierfrancesco Majorino, candidato alle primarie Pd, non abbia intenzione di fare il passo indietro che tanti gli chiedono di fare e, nel caso, trovare un accordo con Francesca Balzani per formare un ticket in cui lui sarebbe, a quel punto, il candidato vicesindaco.

Ma perché c'è tutta questa pressione su Majorino? Il punto è che il regolamento delle primarie del Pd prevede un turno unico, in cui vince chi prende più voti (senza doppio turno o soglie da raggiungere). Al momento, il candidato forte - almeno stando ai sondaggi sulle primarie - è Giuseppe Sala; mentre il fronte "anti-Sala" - e che desidera una continuità col lavoro di Pisapia - è diviso tra Majorino e Balzani.

Il risultato è uno solo: la sinistra si è spaccata e in questo modo ha la quasi certezza di consegnare le primarie a Sala, che si avvantaggia enormemente di questa divisione.

Majorino, però, non ne vuole sapere di ritirarsi. O almeno così è quanto si scrive sui giornali: "Non rinuncio alle primarie, perché dovrei?".

In verità, la ragione per cui dovrebbe rinunciare è chiarissima: Pisapia ha "incoronato" Balzani come suo successore, fornendogli una dote importante in vista della campagna elettorale. Majorino, comunque, ha dalla sua parecchi sostenitori, ma nessuna chance di vincere.

Il problema, è che la sua candidatura toglie chance di vincere anche alla sua vicina (politicamente parlando) Francesca Balzani. Con il risultato che a vincere le primarie sarà senza dubbio Giuseppe Sala. La soluzione, secondo molti, passa appunto dal ticket. Ma per ora non sembra essere in vista.

  • shares
  • Mail