Oh mia bela Madunina: testo, traduzione e karaoke

La canzone-inno di Milano, dedicata alla bela Madunina del Duomo.

Oh mia bela madunina è probabilmente una delle canzoni popolari più note d'Italia, ma soprattutto è una delle pochissime opportunità che avrete di sentire ancora un po' di dialetto milanese in città. La canzone integrale è più lunga della strofa che viene solitamente intonata, e che classicamente si chiude con "terun" in coro che non è molto politicamente corretto e che, infatti, nella versione originale non c'è. (In fondo al post, trovare anche le versione karaoke).

Ecco il testo di Oh mia bela madunina:

A diesen la canzon la nass a Napuli
e francament g'han minga tutti i tort
Surriento, Margellina tucc'i popoli
i avran cantà on milion de volt
mi speri che se offendera nissun
se parlom un cicin anca de num

O mia bela Madunina che te brillet de lontan
tuta d'ora e piscinina, ti te dominet Milan
sota a ti se viv la vita, se sta mai coi man in man
canten tucc "lontan de Napoli se moeur"
ma po' i vegnen chi a Milan

Ades ghè la canzon de Roma magica
de Nina er Cupolone e Rugantin
se sbaten in del tever, roba tragica
esageren, me par on cicinin
Sperem che vegna minga la mania
de metes a cantà "Milano mia"

O mia bela Madunina che te brillet de lontan
tuta d'ora e piscinina, ti te dominet Milan
sota a ti se viv la vita, se sta mai coi man in man
canten tucc "lontan de Napoli se moeur"
ma po' i vegnen chi a Milan

Si vegni senza paura, num ve songaremm la man
tucc el mond a l'è paes e semm d'accord
ma Milan, l'è on gran Milan!

Non è difficile capire le parole, ma a scanso di equivoci ecco anche la traduzione, che prendo dal sito di Vincenzo Scognamiglio:

Dicono che la canzone nasce a napoli
e francamente non hanno tuti i torti
Sorrento, Margellina tutti popoli
l’avranno cantata milioni di volte
io spero che non si offenderà nessuno
se parliamo un poco anche di noi

Oh mia bella Madonnina che splendi da lontano
tutta d’oro e piccolina, tu domini Milano
sotto di te si vive la vita, non si sta mai con le mani in mano
cantano tutti “lontano da Napoli si muore”
ma poi vengono qui a Milano

Adesso c’è la canzone di Roma magica
di Nina er Cupolone e Rugantino
si buttano nel tevere, roba tragica
esagerano, mi sembra un poco
Speriamo che non nasca la moda
di mettersi a cantare “Milano mia”

Oh mia bella Madonnina che splendi da lontano
tutta d’oro e piccolina, tu domini Milano
sotto di te si vive la vita, non si sta mai con le mani in mano
cantano tutti “lontano da Napoli si muore”
ma poi vengono qui a Milano

Venite senza paura, noi vi tenderemo la mano
tutto il mondo è paese e siamo d’accordo
ma Milano, è la grande Milano!

Ecco, come si capisce leggendo le ultime righe, l'aggiunta del "terun" alla fine del ritornello è davvero fuori luogo, visto che l'inno si chiude con parole di accoglienza ("venite senza paura, noi vi tenderemo la mano"). Il campanilismo invece è acceso, come si nota nei riferimenti a Napoli e Roma; ma è giusto così.

  • shares
  • Mail