Doubt: la mostra di Carsten Höller all'Hangar Bicocca

Un'altra mostra dell'Hangar Bicocca che promette di far parlare di sé. Fino a luglio 2016.

Ormai è sempre più chiaro: l'Hangar Bicocca è un ottimo spazio per l'arte contemporanea, in cui le mostre messe in scena diventano sempre di più dei must-see per appassionati e curiosi. Dopo la bellissima esposizione di luci, suoni e musica di Parreno, è la volta di Doubt: la mostra di Carsten Höller che sta già facendo parecchio parlare un giorno solo dopo l'inaugurazione.

La ragione è semplice: questa è una mostra che vi permette di volare. Letteralmente. Il merito è dell'installazione Two Flying Machines, a cui possono accedere solo i maggiori di 14 anni, più alti di 150 cm e che pesano meno di 100 chili. Anche in questo caso, quindi, c'è da divertirsi, non solo da ammirare.

La pratica di Höller è fondata sulla ricerca di nuovi modi di abitare il mondo in cui viviamo e prevede il coinvolgimento diretto del pubblico con l’opera d’arte. Il suo lavoro suscita diversi stati d’animo nel visitatore: gioia, euforia, allucinazioni e, appunto, “dubbi” dando vita a nuove possibili interpretazioni del reale. La mostra, a cura di Vicente Todolí, si espande attraverso due percorsi speculari e paralleli, che richiedono la partecipazione sensoriale del pubblico. Sono i visitatori a poter scegliere come affrontare la mostra e quale percorso intraprendere.

“Doubt” presenta oltre venti opere, sia storiche che nuove produzioni, collocate sull’asse centrale dello spazio, in modo da creare un muro divisorio che permette di vedere le opere solo a metà. Il pubblico deve ricordarle così fino al momento in cui incontra l’altra metà, percorrendo il lato opposto. Grandi installazioni, video e fotografie giocano con le coordinate spaziali e temporali del luogo espositivo, sviluppando un viaggio tra simmetria, duplicazione e ribaltamento.
Il percorso espositivo alterna lavori che rimandano a esperimenti ottici – tra cui Upside-Down Goggles (1994 – in corso), con i quali l’artista invita il pubblico a vedere il mondo capovolto – a quelli legati a una dimensione ludica – come Two Flying Machines (2015), con le quali si può sperimentare la sensazione del volo o Double Carousel (2011), una giostra per adulti che provoca sentimenti di euforia e stupore.

  • shares
  • Mail