Natale 2016 a Milano: i regali creati in carcere

Per coniugare innovazione, artigianalità e riscatto sociale.

Dalle biciclette in bambù con ruote hi-tech sino alle piante ornamentali e officinali, passando per le borse e gli accessori decorati con gli inconfondibili gatti di San Vittore, dai tessuti tagliati al laser e creati per realizzare borse di design sino all’eco-shopper per piante e fiori oltre a libri e prodotti cartotecnici stampati con innovative matrici, ideate con stampanti 3D, e ancora lampade di design, complementi d’arredo e giocattoli in legno creati con i laser cutter a Bollate. Sono queste alcune delle idee regalo e prodotti realizzati con maestria e creatività artigiana che i milanesi potranno acquistare per il Natale 2016 presso il Consorzio Viadeimille, 1 angolo piazzale Dateo.

La prima a fare acquisti per un Natale che coniuga solidarietà e originalità l’assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani: “Proprio in questi giorni in cui tutti siamo impegnati nella ricerca di piccoli pensieri per i nostri cari, qui possiamo trovare oggetti originali e di qualità che coniugano innovazione tecnologica e maestria artigianale con il riscatto sociale per chi li realizza. La collaborazione tra imprese ristrette, FabLab e imprenditori che scelgono di produrre all’interno delle carceri – prosegue Tajani - consente di ampliare i percorsi di riqualificazione professionale per i detenuti, aumentandone le competenze tecniche e favorendo il loro rientro nel mercato del lavoro come valido strumento di riscatto sociale. Invito tutti i milanesi a considerare questa opportunità come una valida alternativa ai classici regali, spesso scontati”.

Lo store di 200 mq e 5 vetrine su strada in Viale dei Mille è nato da un’idea del Comune di Milano, del Provveditorato alle Carceri e le realtà imprenditoriali per commercializzare e far conoscere alla cittadinanza quanto di meglio viene realizzato e prodotto dai detenuti di Bollate, Opera, San Vittore e Beccaria. La finalità dell’Acceleratore d’impresa ristretta consiste nell’agevolare i contatti tra imprese carcerarie, imprese esterne e cittadini, nell’ottica di considerare le carceri quali “siti produttivi” e veri e propri incubatori d’impresa.

Nel negozio oltre a prodotti hi-tech si possono trovare sacche, pochette, sporte per la spesa e borse create da “Borseggi”, pigiami e abbigliamento per bambini di “Gatti Galeotti”, abiti per il guardaroba estate e inverno delle signore, giocattoli di legno, piante e fiori per la casa e il terrazzo, calendari, block notes, quaderni.

Il consorzio è aperto sino al 24 dicembre tutti i giorni dalle 10 alle 12:30 e dalle 15 alle 19.

  • shares
  • Mail