Il Museo internazionale di calcio apre a Milano

Esposti memorabilia di oltre 150 campioni. Guaineri: “Sempre grati ai privati che investono arricchendo l’offerta cittadina”.

Da oggi, la Galleria Vittorio Emanuele II ospita il primo Museo Internazionale del Calcio che espone magliette, scarpe, trofei e i memorabilia di grandissimi calciatori in oltre 400 mq situati al quarto piano. Un percorso animato che vede la selezione dei migliori 25 giocatori della storia che hanno interpretato al meglio le caratteristiche necessarie ad ottenere la Stringa d’Oro - il premio al passaggio più bello della stagione che nasce con il Museo -: visione, forza, estro, tecnica e cuore. In una parola la ‘generosità', riconosciuta qualità ‘ambrosiana’.

L’esposizione di 84 paia di scarpini che hanno calciato i palloni di tutto il mondo permetterà ai visitatori di notare le differenze tra le scarpe commercializzate e quelle usate dai campioni durante le partite. Il racconto dell’epopea del calcio femminile, che è in continua crescita, aprirà scenari inaspettati. La riproduzione della coppa della Champions League, la coppa più amata e ambita dai tifosi introdurrà una sezione specifica sulla dimensione globale del calcio: la Champions League per Club e il Campionato del Mondo per Nazionali. Solo fino a domenica 18 dicembre, per celebrare l’apertura del Museo, sarà eccezionalmente esposta al pubblico la coppa originale della Champions League, da tempo grande assente a Milano.

All’interno dello spazio è presente anche una sezione dedicata ai portieri ed agli allenatori che hanno caratterizzato l’evoluzione del calcio moderno oltre ad una descrizione degli stadi più importanti del mondo.

“Siamo sempre grati ai privati che con proprie iniziative contribuiscono ad arricchire l’offerta della nostra città e quindi la sua attrattività – ha detto l’assessore al Turismo, Sport e Qualità della vita, Roberta Guaineri, inaugurando lo spazio -. Un museo del calcio nel cuore di Milano è un’idea originale che sicuramente sarà apprezzata dai turisti, ma anche dai tifosi che spesso raggiungono la nostra città per assistere alle partite. Siamo del parere che maggiori siano le possibilità di scelta per l’intrattenimento e la qualità di una visita alla nostra città, maggiori saranno le fasce di visitatori che riusciremo a convincere a venire. Ora, oltre al già meraviglioso San Siro con il suo museo, gli amanti del calcio avranno un motivo in più per fare tappa a Milano”.

  • shares
  • Mail