Stramilano 2017: il programma

[img src="http://media.02blog.it/e/e13/schermata-2017-03-02-alle-15-24-33.png" alt="schermata-2017-03-02-alle-15-24-33.png" align="center" size="large" id="91757"]

Atleti amatoriali e professionisti, giovani ed appassionati di running, tutti pronti ai nastri di partenza della Stramilano 2017. La stracittadina più famosa d’Italia tornerà domenica 19 marzo per la sua 46esima edizione che sarà dedicata a Fabio Cappello, il giovane runner venuto a mancare al termine della Stramilano Half Marathon dello scorso anno.

Madrina della Stramilano 2017 sarà l’atleta e campionessa paralimpica Giusy Versace, che prenderà parte alla manifestazione con la sua associazione Disabili No Limits Onlus: una realtà che opera per restituire alle persone con disabilità una vita più autonoma donando ausili che, ad oggi, non sono previsti dal Sistema Sanitario Nazionale. In particolare, l’associazione raccoglie fondi per donare sedie a ruote ultraleggere e protesi in fibra di carbonio per attività quotidiane e sportive a sostegno di coloro che vivono condizioni economiche svantaggiate.

“Mi è sempre piaciuta molto l’atmosfera che si respira in città nei giorni precedenti la Stramilano – ha dichiarato il Sindaco Giuseppe Sala –, quando ogni strada e ogni parco si popolano di runner che si allenano per raggiungere il proprio personale obiettivo, per provare a sfidare i propri limiti. E poi il giorno della corsa c’è un momento in particolare che non vedo l’ora di vivere da Sindaco: la partenza della Stramilanina, quando i tantissimi bambini che parteciperanno porteranno un’onda di sorrisi e allegria in tutta Milano”.

“La Stramilano è uno di quei momenti capaci di costruire la storia di una città – ha detto l’assessore al Turismo, Sport e alla Qualità della Vita, Roberta Guaineri -. Racconta il capoluogo lombardo da 46 anni, portando in strada i suoi cittadini, unendo grandi e bambini, appassionati di corsa, atleti e spettatori: una comunità che da decenni si passa il testimone, che di generazione in generazione ha imparato ad amare una corsa come si fa con gli eventi che contano. Da anni la Stramilano è anche una delle mie corse, ma ora la guardo da un nuovo punto di vista istituzionale e il mio impegno è di preservarla sempre, perché da qui nascono i valori che contano e qui li trasmettiamo ai nostri ragazzi”.

  • shares
  • Mail