Vinile: aperitivo e musica nel nuovo locale per musicofili


Sembra un paradosso, ma nell'epoca dell'Ipod c'è ancora qualcuno che mitizza il vinile e ci costruisce sopra un'attività. Un negozio di dischi per la precisione. Succede, quando la passione per la musica segue solchi non precostituiti.

Tra le passioni del musicofilo c'è quella del feticcio (lo diceva anche il protagonista di Alta Fedeltà) e il buon vecchio vinile è il feticcio musicale per antonomasia, prima del biglietto del concerto, prima del cd, millenni prima dell'I-Pod.

L'idea è di Gianluca Soresi, 43 anni, milanese, un passato da discografico, che da qualche giorno ha aperto al 17 di via Tadino "Vinile". Nome vintage, catalogo vintage, cuore vintage. Ci sono cinquecento pezzi da collezione, tra jazz, soul e il funk della Motown.

L’idea alla base di Vinile – Round about music, art, wine & food - è di creare un ‘piccolo spazio analogico’, declinando dal sistema d’incisione dei vecchi LP: un locale dove ritrovare il piacere dello stare bene in mezzo a oggetti e suoni che hanno in qualche modo accompagnato la vita di tutti e riscoprire sapori e gusti veri, che con un bel po’ di passione e ricerca ambiscono a farlo diventare un punto di riferimento per musicofili, collezionisti, gourmet, nostalgici, curiosi…


Come anche gli arredi dal design vintage, le locandine, i mangiadischi d'epoca. Tutto è in vendita in quella che Gianluca definisce "una stanza giochi per bambini che non vogliono crescere". Vinile chiude alle 22 e offre pranzi e aperitivi con prodotti regionali, tra vini rossi come Sassella e Grumello e carni rare come le slinzeghe, le bresaole naturali e i salamini di cervo. Qui la pagina FB.

  • shares
  • Mail