Quarto Oggiaro e il party dell'Epifania "contro le bombe"



Nel pomeriggio del 24 dicembre, ignoti fecero esplodere una bomba carta all’ingresso dell’Arci Itaca di piazzetta Capuana (Quarto Oggiaro), sede dell'associazione "Quarto Posto". Le vetrine di ingresso esplose in mille pezzi, gli infissi divelti, e due soci lievemente contusi. Un gesto intimidatorio, probabilmente, con responsabili che sono ancora sconosciuti. Nel frattempo però, dopo aver incassato la solidarietà della giunta (“questo atto ci sprona, ancora una volta, ad affermare il bisogno di diffondere nella nostra città la cultura della legalità” ha detto l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino), i soci di Quarto Posto hanno deciso di rispondere a modo loro, pacificamente, organizzando quello che hanno ribattezzato ironicamente il "bum bum party".

E' un'idea alternativa per festeggiare l'Epifania quello pensato dall'associazione che da circa un anno propone un nuovo modo di vivere il quartiere (che di per sé non gode di buona fama, a leggere le notizie di cronaca nera dei giornali), più attento alla socialità e alla vita culturale.La festa servirà per raccogliere fondi per la riparazione ma anche per lanciare un messaggio e far capire che un gesto così non spaventa nessuno. "Invece di avere paura - scrivono in un comunicato i soci - ci accorgiamo che stiamo percorrendo la strada giusta; è così che realizziamo che il nostro lavoro ha un senso; è così che non rinunciamo alla nostra piccola lotta".

Questo il programma della giornata, ritrovo in piazzetta Capuana, all'insegna dello slogan "Più forti delle bombe".


    ore 19 Hot Dog anche vegetariani
    ore 19.30 Voci di mezzo
    ore 20.00: affacciati alla finestra per l'istallazione "voci dal marciapiede" di Eleonora Macrì
    dalle 20.30 Nema Problema Orkestar & Ottavo Richter live @Capuana

Foto | Quartoweb.it

  • shares
  • Mail