Le due lapidi di Pinelli

lapidi giuseppe pinelli

Tutti i milanesi hanno ben in mente la tragica data del 12 dicembre '69, e tutti i milanesi sanno cosa accadde al principale sospetto, poi completamente scagionato, di quella strage. Giuseppe Pinelli, ferroviere anarchico, fu il sospetto della prima ora, l'anarchico da accusare di tutto. Purtroppo Pinelli non poté mai sentire le scuse per quell'arresto ingiusto, il 15 dicembre morì 'cadendo' dalla finestra della questura di Milano. Era il 15 dicembre del '69 e questo doveva essere solo l'inizio di tutta una serie di altri tragici avvenimenti.

Oggi a distanza di quasi quarant'anni Milano è ancora divisa su quanto accadde quel giorno, e le due lapidi che vedete affiancate nella fotografia ne sono la dimostrazione. Una è la lapide voluta dai compagni di Pinelli, dagli amici e dagli studenti milanesi, e riporta la dicitura "Ucciso". L'altra lapide, allestita con anni e anni di ritardo dal comune di Milano, riporta la scritta "Morto tragicamente". Due semplici parole che da quarant'anni dividono Milano, due lapidi che ci dicono come quella tragica pagina di storia non sia ancora definitivamente chiusa.

La lapide degli studenti e dei democratici milanesi in ricordo di Pinelli

lapide pinelli

la lapide del comune

la lapide dedicata a pinelli dal comune di milano

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: