1° maggio, gli appuntamenti per la Festa dei Lavoratori a Milano

Si comincia alle 9,30 con il corteo dei sindacati confederali, a cui aderiscono alcuni partiti politici. Gli iscritti milanesi a CGIL, CISL e UIL si raduneranno in corso Venezia per arrivare in piazza della Scala davanti a Palazzo Marino, dove si terranno i comizi conclusivi. Lo slogan ufficiale della manifestazione è "Lavoro e crescita per uscire dalla crisi". Il programma del sindacato prosegue poi nel pomeriggio, alle 15, con la deposizione dei fiori al monumento ai Caduti sul lavoro di largo Marinai d'Italia e si conclude con lo spettacolo teatrale "Il bambino sottovuoto" alle 17 al teatro Elfo Puccini di corso Buenos Aires 33.

Alle 15 da piazza XXIV maggio parte l'undicesima edizione della MayDay, che nelle intenzioni degli organizzatori sarà un po' meno "parade" e un po' più manifestazione politica. Sul sito ufficiale si legge "Le precarie lavoratrici e i lavoratori precari non hanno nulla da perdere, ma solo un mondo da conquistare".

Sarà un Primo maggio dalle serrande alzate: il Comune ha deciso di tenere aperti musei e sedi espositive e anche la maggior parte dei negozi resterà aperta, contro il parere del sindaco Pisapia e dei sindacati, che ritengono che i lavoratori, almeno nel giorno della loro festa debbano riposarsi.

E voi cosa ne pensate? E' giusto che i negozi rimangano aperti? E' un viatico contro la crisi o solo un altro giorno di sfruttamento dei lavoratori?

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: